L O A D I N G
blog banner

CITÉ NOIR è il nuovo EP di Ramy Noir

RAMY NOIR è pronto per il suo debutto ufficiale con l’EP d’esordio Cité Noir, dal 20 maggio 2022 in digitale per Onda Quadra (distr. Believe). Il progetto, composto da sei intensi brani, fa seguito alla pubblicazione negli scorsi mesi dei primi tre singoli dell’artista italo egiziano. Kalash, TMAX e Liberté hanno infatti introdotto il pubblico dell’urban italiano nell’universo ruvido e senza filtro di uno fra gli artisti più autentici in circolazione.

Le barre crude di Omar Mohamed, vero nome dell’artista, si inseriscono nel panorama rap che più da vicino racconta le storie di strada, quelle vere. Sono racconti visti dagli occhi di un figlio di immigrati (come scrive in Liberi liberi) che così viene categorizzato, spesso, in modo dispregiativo dal giudizio altrui. In uno dei brani più significativi del progetto, la focus track Gucci Tarocco, Ramy Noir sottolinea che, per quanto sia amaro, si può imparare a farsi scivolare addosso e prendersi gioco degli stereotipi in cui spesso i giovani come lui vengono inquadrati.

Nell’ep non ci sono featuring: questo perché è il momento per l’artista di farsi conoscere così com’è dall’inizio alla fine, dalle sue giornate in cui è testimone spesso di violenza e illegalità diffusa, a quei momenti in cui riesce a riflettere lucidamente sulla sua situazione e sui suoi desideri. Dalle case popolari della periferia di Milano, la sua Cité Noir, nonostante le criticità, nasconde in fondo il sogno di poter riuscire un giorno a riveder le stelle.

Cité Noir è il mio primo EP, sono sei pezzi tutti quanti diversi tra loro, con diversi stili di approccio a quello che è per me la musica. C’è stato un grande lavoro di produzione: con questi brani volevo comunicare chi sono io veramente, mettendomi a nudo su molti aspetti della mia vita e mostrare a tutti gli ascoltatori la mia mentalità. Il nome dell’EP è dovuto alla mia visione delle cose e al posto dove ho sempre vissuto, una città nera che con i suoi pro e i suoi contro mi hanno fatto diventare ciò che sono oggi”, spiega Ramy Noir.

Oltre al brano Gucci Tarocco, nell’ep sono presenti le più adrenaliniche e scure Cagoule Noir e ACAB che, insieme al realismo estremo di Criminale, completano un quadro di immagini spesso difficili da digerire, dove la rabbia di Ramy Noir e dei suoi compagni di vita e di strada la fa da padrona. 

Ho più di un fratello crepato in mare,

le pare, le lame, le bare

Questo quartiere ricorda favelas

I bimbi con i piedi sporchi

giocavi a pallone coi tocchi

giocavi a guardie e ladri sotto quei portoni

ora quei bimbi sono diventati criminali 

Lo stile in cui l’artista espone i suoi versi si misura su basi ricche di influenze drill, metal e trap: è l’urlo di un giovane che non ha scelta, se non quella di imparare a convivere con ciò che lo circonda, stringendo i pugni.

Il timbro graffiante delle rime a metà tra l’italiano e il francese si scioglie sulle basi più aperte e speranzose come nel caso di Liberi liberi, un brano più intimo e pacato che dà spazio al lato più introspettivo di Ramy Noir. L’Ep si completa con Welo, il brano con cui l’artista esprime i suoi desideri a voce alta, augurandosi un futuro alternativo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.